Il territorio

La Valle Roveto riserva molte sorprese, sia culturali che naturali e gastronomiche.


Panorama (Valle Roveto)


Fontana di San Martino


Castello Piccolomini


Castello Piccolomini

La "Locanda del Barone" si trova sotto i cancelli del Castello di Balsorano, nel borgo medioevale che si apre con la fontana di San Martino (XVII sec.), a poca distanza dal fiume Liri.

È possibile fare escursioni a piedi, e vi consigliamo di scaricare la nostra brochure. Se volete farle a cavallo, c'è un maneggio che offre dei percorsi che portano lungo il fiume Liri, passando tra i ruderi della Chiesa del Castello di Balsorano "Madonna delle Grazie", che mostra ancora un affresco del '400.


Fontana di San Martino


Ruderi


Fontana e Castello


Ruderi


Il Castello Piccolomini

Il Castello Piccolomini, che ha rappresentato per secoli una roccaforte di controllo, deve gran parte del suo valore artistico ad Antonio Todeschini Piccolomini, nipote del re di Napoli Ferdinando I d’Aragona, al quale intorno al 1465 fu assegnata tutta la Contea.

Nel 1850, il castello e le terre furono vendute al possidente francese Carlo Lefebvre il quale, per aver promosso le industrie della carta nella Valle del Liri, nel 1854 fu nominato Conte da Fernando II di Borbone.

Il sistema tecnico adoperato per gli elementi architettonici e decorativi del Castello si incontra in tutti i Castelli Piccolomini presenti nel territorio, come sull'imprevedibile Fortezza di Morrea e sul Castello Residenziale di Celano.


Il Santuario di Sant'Angelo

Per una escursione dello Spirito, a circa 4 km da Balsorano, si trova un'ampia caverna detta "la grotta di Sant'Angelo", alta circa 20 metri e lunga circa 60 metri.

Il Santuario di Sant'Angelo è situato sotto un'alta rupe a 900 metri di altitudine, ai piedi di una parete rocciosa alta più di 100 metri, ed è raggiungibile grazie ad un sentiero percorribile solo a piedi. Risale all'anno 1296 come risulta dalla Bolla firmata dal Papa Bonifacio VIII.

Il rifugio disponibile nel 1200 era un ampio spazio nella roccia, in cui oggi vengono celebrate le veglie spirituali, a fianco delle Cappelle di San Michele e della Madonna.

Un lucernaio naturale garantisce l'illuminazione dei vari livelli della grotta, messi in relazione dalla "Scala Santa" ricavata nella roccia.



Sorgenti Santa Croce e Terme

"La Locanda del Barone" è vicina anche alle sorgenti di Santa Croce e Sponga, un'acqua con rare virtù individuate già alla fine del 1400, anni in cui ne viene riconosciuta la salubrità.

La natura ha creato ricami meravigliosi con quest'acqua limpida e chiara, a quasi 1000 metri di altitudine, in un panorama raggiungibile grazie ad una comoda strada.

Nelle vicinanze della sorgente Santa Croce sono state scoperte delle anfore di epoca romana ritraenti Igea, la dea della salute. Intorno alla sorgente sorgono le terme di Canistro.


Terme di Canistro


Acqua Santa Croce e Sponga


Forca d'Acero e Monti Simbruini

Nel magnifico territorio che circonda il nostro ristorante sono presenti parchi naturali, come quello di Forca d'Acero e dei Monti Simbruini, in cui è possibile fare escursioni e percorsi da trekking a contatto con una natura pura e incontaminata.


Monti Simbruini


Forca d'Acero


Parapendio


Monti


vista


Per gli amanti del volo, i Monti Alto e Orbetta sono punti di decollo per lanci con parapendio e deltaplano.


Lago di Posta Fibreno

Per chi preferisce paesaggi lacustri, è raggiungibile in 30 minuti il lago di Posta Fibreno.


Lago di Posta Fibreno


Lago di Posta Fibreno

Queste terre sono al confine tra l'Abruzzo e il Lazio, e la particolare posizione del nostro ristorante permette piacevoli visite anche nella provincia di Frosinone.

La Valle Roveto si trova in provincia di L'Aquila ed è una tortuosa vallata solcata dal fiume Liri, tra due catene ininterrotte di montagne alte fino ai 2000 metri, Ernici e Simbruini da un lato e monti del Parco Nazionale d'Abruzzo dall'altro.

Scarica il nostro depliant con gli itenerari attorno al ristorante